Dedicato a quelle persone che…

Pensieri quotidiani Commenta

Le giornate sono piene di persone. Tra incontri e scontri si condividono parole, sguardi e spazi. Per una volta voglio spendere due parole per tutte quelle persone appartenenti a determinate categorie. Un esempio? Quelle che ti chiedono cosa ne pensi di qualcosa solo per dirti la loro opinione. Oppure quelle che “pensaci tu che ne sai” e poi “bè io avrei usato un altro colore”. Quelle che non ti salutano, non sanno nemmeno più perchè ma lo fanno per principio. Quelle che credono ancora che non rispondere ad un messaggio sia questione di figaggine e non di maleducazione. Quelle che “ma come fai ad ascoltare quella roba”. Quelle persone che non vedono l’ora di ficcare il naso negli affari tuoi perchè hanno terminato i loro. Quelle persone che credono di essere furbe leccandoti il culo ma non hanno capito che stai semplicemente al loro gioco. Quelle che “tu si vede che non hai fatto il militare”. Quelle che “ah si, vai bene tu” ma non hanno la minima idea di cosa fai nella vita. Quelle che “tutte le donne son troie” e l’uomo deve essere maleducato e cafone per essere tale. Quelle che ti guardano come sei vestito ma non sanno sostenere un discorso sensato. Quelle che ti chiamano con una scusa per poi “senti già che ci siamo volevo chiederti…”. Quelle che non ti chiamano ma si lamentano che non ci si sente mai. Per tutte queste persone e per quelle che ti giudicano a priori:

20130226-110132.jpg

Dì la tua