Il remake della forza (recensione delusa di episodio VII di star wars)

Geekly Commenta

  No non ci posso credere. Se c’era qualcosa in cui avevo gettato, con le ultime forze dell’anno, le speranze per una degna conclusione di questo malsano e caotico 2015, questa era proprio Episodio VII di Star Wars. J. J. Abrams, vuoi che non smuova qualcosa? Vuoi che non scateni un polverone? Vuoi che magari deluda qualcuno ma sicuramente non potrà proprio fare cilecca. E invece si. Certo, d’accordo, prima di lui un coppino di quelli secchi, una sgridata come fai con i cuccioli che poi gli fai annusare la pipì fatta sul tappeto andrebbe a Disney e Lucasfilm che hanno fatto tutto con paura facendo nient’altro che un vigliacco “remake della forza”, un remake di episodio VI cacchio. Voluto? Voluto? L’unica cosa voluta, cercata e riuscita è l’operazione di marketing intorno a BB8, droide adorabile che è riuscito, quasi (non scherziamo eh) a superare in simpatia R2D2. Ma a parte questo, a parte le due Major, a parte la paraculata del “ogni generazione ha il suo star wars” un coppino ancora più forte, una settimana di castigo va a Abrams che ha permesso un montaggio del genere. Voluto anche questo? Ho contato almeno 5 errori negli stacchi (sopratutto da primo piano a campo largo o controcampo): testa bassa/testa alta, gente che corre/gente ferma, espressione si/espressione no. Ma dico ma stiamo scherzando? Ma lo sapete come abbiamo vissuto noi fan fino ad oggi? In tutti questi anni? E voi cosa fate? Un droide da vendite? Si va bene lo comprerò, è ovvio, vinto voi a mani basse (guarda caso l’iconcina che salta fuori in Twitter è la sua), ma il resto? Come dite? Citazioni? No, non ci sto. Fare o no fare, non c’è provare. Cacchio. 

 

Dì la tua